3 libri di storytelling e marketing da leggere durante l’estate

da | Copywriting, Guide | 0 commenti

Una delle prime immagini che vengono in mente quando si pensa all’estate, è una giornata calda passata in spiaggia a leggere un buon libro sotto l’ombrellone. E se si tratta di una lettura interessante ed educativa, che ci dà qualche spunto in più per la comunicazione del nostro brand, allora ancora meglio. Vediamo, quindi, 3 libri perfetti per trasformare queste giornate di solo relax in qualcosa di un po’ più produttivo.

Partire dal perché” di Simon Sinek

Ai primi posti nelle classifiche dei bestseller internazionali, “Partire dal perché” è il libro perfetto per tutti coloro che vogliono distinguersi dalla concorrenza mettendo al primo posto i valori del brand.

Sinek parte chiedendosi come mai alcune organizzazioni sono molto più innovative, influenti e di successo rispetto ad altre e in base a cosa alcune riescono ad avere una community di persone fedeli e altre no. Analizzando il comportamento dei più grandi leader e aziende di sempre, capisce che c’è un aspetto che li accomuna: l’importanza che danno al loro “Perché”.

Si tratta dello scopo, della motivazione che spinge il brand ad agire in un certo modo, della convinzione che dona valore a ciò che hanno da offrire. Pensate ad aziende come Apple, Samsung o Google. Qual è il loro denominatore comune? La trasmissione di valori forti e chiari, che li distinguono dalla concorrenza e portano alla fidelizzazione.

Spesso i brand, nel tentativo di vendere, si focalizzano troppo sul rapporto qualità-prezzo, sul cosa fanno o sul come lo fanno, tralasciando invece il perché la loro offerta si distingue dalle altre.

Come scrive Sinek, «Non conta cosa fate, ma perché lo fate.» Soltanto con questa mentalità un’azienda potrà avere veramente successo ed entrare nella testa e, perché no, nel cuore delle persone.

L’uomo non osi separare ciò che l’Archetypal Branding unisce” di Riccardo Donato

Analizzando ben 12 tipologie di archetipi, questo libro ti permetterà di capire come creare una forte brand personality, in modo tale da creare un indissolubile legame di fiducia con il proprio target.

Gli archetipi sono tipologie di individui accomunati dagli stessi bisogni, desideri, obiettivi e paure. Ci permettono di identificare i nostri tratti distintivi e allo stesso tempo di creare una storia coerente con i nostri obiettivi e valori. Ecco alcuni esempi per rendere più chiaro questo concetto:

  • Lego si identifica nell’archetipo del creatore, che dà spazio all’immaginazione, all’espressione di sé stessi;
  • Diesel in quello del ribelle, un fuorilegge che provoca, sfida e rompe le regole;
  • Nike in quello dell’eroe, che trasmette l’idea di forza, azione e dinamicità;
  • Disney in quello del mago, con una prospettiva fuori dall’ordinario, capace di trasformare un sogno in realtà.

Da ciò si può dedurre che l’individuazione del proprio archetipo è un aspetto fondamentale per qualsiasi scelta comunicativa. Non a caso Riccardo Donato scrisse «Gli archetipi stanno al branding come una lampadina a una stanza buia. Puoi trovare ugualmente quello che cerchi, ma se l’accendi è meglio.»

Neurobranding: il neuromarketing nell’advertising e nelle strategie di brand per marketer” di Mariano Diotto

Se i primi due ti sembrano un po’ più leggeri, allora questo libro è probabilmente la soluzione ideale per te. Si tratta, infatti, di una lettura più avanzata, che ti aiuterà a capire come funziona il nostro cervello quando viene stimolato dalle strategie di marketing.

L’obiettivo di Mariano Diotto è quello di accompagnare il lettore nella creazione di un neurobrand, ovvero di una strategia di comunicazione, advertising e marketing per un brand, basandosi sui principi del neuromarketing. Si tratta, quindi, di una sorta di viaggio alla scoperta della personalità del cliente, dell’inconscio e della memoria.

L’autore ti guiderà nella distinzione tra:

  • stereotipi e archetipi;
  • emozioni e sentimenti;
  • bias cognitivi e realtà;
  • percezione e persuasione.

Attraverso uno studio approfondito e l’analisi di alcuni esempi concreti, questo libro si distingue per la sua capacità di far comprendere in maniera chiara le menti dei consumatori, con l’obiettivo finale di migliorare le proprie strategie di marketing.

Questi tre libri sono un ottimo modo per arricchire un po’ il tuo bagaglio di conoscenze e avere qualche idea in più per perfezionare la comunicazione del tuo brand. Se li hai già letti tutti o se per qualche motivo non ti hanno incuriosito, ti propongo un libro bonus: “Alla radice del racconto” di Elizabeth Gelfi.

Buona lettura e buona estate!

Vuoi raccontare la tua storia?

Siamo qui per aiutarti a diffondere la tua impresa.

Elizabeth Gelfi

Elizabeth Gelfi

Storyteller. È la mamma di Tramemotive. È lei che decide la linea editoriale e che scrive gli articoli della sezione Strategia di storytelling. Di base una professionista che guarda al bicchiere mezzo pieno, propositiva e proattiva, ma anche estremamente concreta e riflessiva.

Cosa ne pensi?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche: