Come lanciare un nuovo prodotto sul mercato: 3 esempi pratici

da | Strategia | 0 commenti

Lanciare un nuovo prodotto sul mercato richiede molte energie, può essere un’esperienza entusiasmante ma anche impegnativa.

Dallo sviluppo del prodotto alla strategia di lancio, un’accurata pianificazione ti aiuterà a raggiungere gli obiettivi e non vanificare settimane o mesi di duro lavoro.

Uno dei rischi più grandi che si corrono quando si vuole lanciare un nuovo prodotto sul mercato, è quello di innamorarsi della propria idea e non riuscire a vederla con occhi obiettivi, quelli del consumatore. Si è convinti di avere un’idea geniale che avrà sicuramente successo e ci si dimentica della cosa più importante: un prodotto ha successo se ci sono persone disposte a comprarlo.

Prima del lancio: analisi e validazione del prodotto

Per evitare di buttare soldi, tempo e lavoro in qualcosa che non ti porterà a nulla, ci sono alcuni passaggi da seguire ancora prima del lancio: l’analisi del mercato e la validazione del prodotto.

Due fasi che ti faranno capire se la tua idea può davvero funzionare. Dedicaci molta attenzione ma, nello stesso tempo, cerca di impiegare meno sforzo e risorse possibili, perché non sai ancora con certezza che il prodotto funzionerà.

Dopo il test, se ci sono persone disposte ad acquistarlo, potrai investire con più tranquillità e lanciare il nuovo prodotto ufficialmente.

Analisi del mercato e del pubblico

La prima cosa da fare è capire chi sono le persone che potrebbero acquistare il tuo prodotto ed essere certi che quest’ultimo risponda realmente alle esigenze del pubblico a cui vuole rivolgersi.

Le domande da porsi durante l’analisi sono:

  • Chi sono le persone a cui si rivolge il mio nuovo prodotto?
  • Quale problema risolve a queste persone?
  • Quali sono le caratteristiche del prodotto che fanno davvero la differenza per loro?
  • Esistono prodotti simili sul mercato? Se la risposta è si, in cosa il mio prodotto si differenzia?
  • Le persone, senza il mio prodotto, come risolvono questo stesso problema?

Questi sono alcuni punti chiave che è importante avere ben chiari fin dall’inizio del percorso.

Parla con più persone possibile e cerca di andare in profondità. Queste informazioni sono fondamentali per te: possono evitarti tanti errori e darti tanti spunti per rendere il prodotto ancora più completo ed efficace.

Uno strumento utile per raccogliere idee e opinioni è il sondaggio, soprattutto quando non hai la possibilità di parlare personalmente con i tuoi potenziali clienti.

Crea un sondaggio con uno dei moltissimi tool disponibili online (ad esempio Typeform) e assicurati di includere tutte le domande importanti per conoscere meglio il tuo pubblico e il problema che il tuo prodotto risolve.

Puoi diffondere il sondaggio nelle community in cui si trova il tuo cliente ideale e, se hai già un database di clienti, invia il questionario anche a loro. I tuoi clienti affezionati sono quelli che ti daranno il parere più sincero. Coinvolgili e cogli l’occasione per farli sentire speciali, rendendoli parte attiva nello sviluppo del tuo nuovo prodotto!

Testare il prodotto con un MVP (Minimum Viable Product)

Dopo la fase di analisi, avrai le idee più chiare ma c’è ancora qualcosa che puoi fare per testare il prodotto sul mercato: lanciarne una versione beta, un Minimum Viable Product o MVP, per capire come viene recepito dal pubblico e migliorarlo sulla base dei feedback degli utenti.

Il Minimum Viable Product è una versione semplificata del prodotto che possiede tutte le funzionalità principali ma richiede il minimo sforzo e il minimo budget per essere realizzato.

Non è un prototipo ma un prodotto a tutti gli effetti: deve poter essere acquistato e portare benefici a chi lo utilizza, anche se non possiede tutte le caratteristiche avanzate che avrà la versione finale.

I vantaggi di iniziare con un MVP sono molteplici:

  • se ti renderai conto che il prodotto non funziona, avrai impiegato poche risorse, sia in termini di tempo che di budget
  • se il prodotto funziona, potrai migliorarlo grazie al prezioso feedback delle prime persone che lo hanno utilizzato, concentrandoti sullo sviluppo e sulle funzionalità che sono davvero utili per loro

Cosa significa, nella pratica, partire con un MVP? Prendiamo ad esempio di un e-commerce: durante la fase di test, prima di investire su una piattaforma proprietaria, potresti iniziare appoggiandoti a servizi esterni come shopify e creare una prima versione del tuo shop con investimenti minimi. Solo in un secondo momento, quando saprai che la tua idea funziona, investirai su una tua piattaforma definitiva.

La comunicazione per lanciare un nuovo prodotto

Dopo aver validato l’idea, è il momento di pianificare la comunicazione per il lancio vero e proprio. Durante queste fasi preliminari, avrai imparato molte cose sul tuo pubblico e raccolto informazioni preziose sui suoi bisogni e le sue necessità.

La comunicazione durante il lancio dovrà essere centrata sul tuo cliente e puntare su alcuni aspetti principali:

  • punti di differenziazione del tuo prodotto rispetto alle soluzioni già presenti sul mercato
  • i benefici per chi lo utilizza e i bisogni a cui risponde
  • la comunicazione dei tuoi valori e della tua unicità

Prima del lancio è molto importante creare mistero e curiosità intorno al prodotto e concentrarsi sulla costruzione di un brand forte e riconoscibile. È un processo che richiede tempo ma che ti porterà risultati solidi e duraturi nel lungo periodo. In questo, la tecnica dello storytelling può fare la differenza per raggiungere il cuore del tuo pubblico e costruire una relazione di fiducia.

Durante il lancio del prodotto, la cosa migliore è integrare tra loro diversi strumenti disponibili nel digitale, per intercettare il tuo pubblico potenziale in ogni fase del processo d’acquisto. Vediamo insieme come farlo e quali sono i 3 strumenti pratici che non dovrebbero mancare nella tua strategia per lanciare un nuovo prodotto.

1- Crea una landing page sul tuo sito

Il sito web è uno strumento fondamentale nella tua strategia di comunicazione, il punto centrale dove far convergere le tue azioni strategiche. Un nuovo prodotto però, ha bisogno di una landing page efficace dove presentarlo in modo completo, risolvere i dubbi dei potenziali clienti e guidare le persone a lasciare il proprio contatto per ricevere maggiori informazioni.

Una landing page è una pagina d’atterraggio che ha alcune caratteristiche fondamentali:

  • presenta il prodotto in ogni suo aspetto, è ricca di dettagli che mettono in evidenza i benefici e le sue caratteristiche differenzianti
  • contiene recensioni di chi lo ha già utilizzato (i primi clienti che hanno acquistato il tuo prodotto in versione beta, ad esempio)
  • contiene un form di contatto oppure un link per l’acquisto

La landing page è realmente efficace quando accompagna passo passo le persone alla scoperta del prodotto, risolve già eventuali dubbi e obiezioni del potenziale cliente ed è scritta con le tecniche di copywriting persuasivo.

Sulla landing page convergeranno tutte le tue comunicazioni relative al nuovo prodotto.

2- Utilizza l’e-mail marketing per il lancio del nuovo prodotto

Se hai già un database di clienti o di contatti, saranno i primi a dover scoprire la novità, sfruttando il potere delle e-mail: un canale di comunicazione che ti avvicina al tuo pubblico in modo più intimo e diretto.

Le persone che ti hanno lasciato l’indirizzo e-mail  ti conoscono già, hanno fiducia in te e sono sicuramente più propense ad acquistare ciò che gli proponi. Annuncia loro la novità e continua a parlargliene nelle settimane successive: il trucco è non annoiarle ma incuriosirle e portarle a conoscere il tuo prodotto sempre più a fondo.

Nelle e-mail, dovrebbe esserci sempre un invito all’azione, per spingere le persone a visitare la landing page e scoprire tutti i dettagli del prodotto.

Se non hai ancora attivato una strategia di e-mail marketing, ti consigliamo di iniziare a costruire il tuo database di contatti il prima possibile, tenendo a mente questi importanti aspetti:

  • Chiedi sempre il consenso e lascia in ogni comunicazione la possibilità di disiscriversi
  • Offri una risorsa gratuita o uno sconto in cambio dell’indirizzo e-mail
  • Prenditi cura e rispetta le persone che ti hanno dato fiducia: questo significa non esagerare con il numero di e-mail inviate e fare in modo che le comunicazioni siano sempre interessanti e utili per loro

3- Coordina i motori di ricerca e i social media per portare traffico alla landing page

Sia i motori di ricerca che i social media sono ottimi strumenti per portare le persone a visitare la landing page, ma vengono utilizzati in modo diverso dagli utenti e noi dobbiamo tener conto di queste differenze nel progettare le azioni strategiche durante il lancio di un nuovo prodotto.

Le persone cercano su Google ciò di cui hanno bisogno in quel preciso momento: con un buon posizionamento sui motori di ricerca, potrai farti trovare da chi sta cercando esattamente ciò che hai da offrire. Quando trascorrono del tempo sui social media, invece, le persone cercano intrattenimento, leggerezza ed evasione.

Se devi lanciare il tuo nuovo prodotto, mettere tutta la tua attenzione solo sui social e tralasciare il posizionamento sui motori di ricerca sarebbe un errore. La prima cosa da fare è concentrarti su chi sta già cercando il tuo prodotto per risolvere un suo problema.

Ci sono diversi modi per farti trovare su Google dai tuoi potenziali clienti:

  • attiva una campagna Google Ads per le parole chiave legate al tuo prodotto
  • cura il posizionamento organico della tua landing page, scrivendo testi ottimizzati per i motori di ricerca
  • prevedi un blog aziendale sul tuo sito web, dove inserire articoli che rispondono alle ricerche del tuo pubblico

 

Parallelamente, sui Social Media potrai lavorare per catturare l’attenzione delle persone attraverso uno storytelling efficace e coinvolgente, che trasmetta la tua proposta di valore e la tua unicità. Per approfondire e scoprire come costruire una proposta di valore efficace, leggi l’articolo: Come gestire la comunicazione efficace dei nuovi prodotti

 

Vuoi raccontare la tua storia?

Siamo qui per aiutarti a diffondere la tua impresa.

Serena Roncone

Serena Roncone

Content writer & Social Media Manager Dei social media e della comunicazione digitale amo il fatto che siano in grado di creare connessioni profonde e accorciare le distanze. A patto di saperli utilizzare nel modo giusto. Quando non sono davanti al computer a scrivere contenuti e studiare trend social, puoi trovarmi nella natura, a fare lunghe chiacchierate davanti a un bicchiere di vino o a esplorare qualche posto nuovo.

Cosa ne pensi?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche:

Le 4 “I” dello storytelling

Le 4 “I” dello storytelling

Ormai lo sappiamo: lo storytelling è l’elemento trainante della comunicazione di un brand. Ma ti sei mai chiesto quali sono le caratteristiche che deve avere un racconto per essere considerato una buona storia? Storytelling, l’arte di narrare storie Nell’attuale...

leggi tutto