Da consumatori a sostenitori del brand: cinque fattori psicologici per la trasformazione

da | Strategia | 0 commenti

Coinvolgere emotivamente un consumatore è l’arma vincente per renderlo affezionato ad un particolare prodotto o brand.

Ma come poter creare questa empatia e trasformare i consumatori in sostenitori del brand?

La risposta arriva dai dati: il 94% dei clienti è propenso a raccomandare un determinato marchio solo se percepisce i suoi valori allineati a quelli dall’azienda.

Da consumatori a sostenitori del brand: l’importanza della psicologia

Creare una connessione con i sentimenti e la sfera psicologica del pubblico è uno dei metodi più efficaci per fare in modo che i consumatori si trasformino in sostenitori del brand.

Per farlo ci sono almeno cinque fattori psicologici di cui tenere conto nella costruzione del dialogo con i consumatori: vediamoli insieme uno alla volta.

Il linguaggio del colore

Nella progettazione del logo, ma anche degli espositori nei punti vendita e nel packaging, un ruolo fondamentale è giocato dalle combinazioni di colore utilizzate.

I colori esprimono un mondo di sensazioni ed emozioni e riescono ad intercettare, in modo inconscio, la sfera più intima del cliente, suscitando ricordi e percezioni in grado di modificare il comportamento d’acquisto.

Ecco una breve carrellata di ciò che andrete a comunicare attraverso le diverse sfumature della tavolozza: il viola esprime creatività, il rosso audacia, il giallo ottimismo mentre il verde è il colore della calma. Per rassicurare invece, il colore di riferimento sarà il blu.

Interazioni e visibilità sui social: da consumatori a sostenitori del brand

I social media sono i canali di interazione più diretti.

Creare un calendario editoriale di contenuti percepiti come utili, dare un’idea di “personalità amichevole” del brand su queste pagine ed essere sempre pronti ad interagire, coinvolgendo il pubblico con domande o “piccole sfide” sono tutte strategie ottimali per creare un legame emotivo.

Diversificare i contenuti proposti sulle varie piattaforme e dare carattere al brand attraverso la scelta di elementi visivi accattivanti non farà altro che aumentare l’interesse dei follower.

Ottimizzare la customer experience

Avere recensioni che raccontano dell’esperienza d’acquisto del vostro prodotto in modo positivo è uno degli obiettivi più importanti a cui mirare per far crescere il brand.

Per questo è importante che il cliente possa vivere una customer experience che lasci una sensazione piacevole.

Ecco alcune azioni concrete da intraprendere:

  • assicurarsi che il servizio clienti sia ottimale ed efficiente in ogni fase d’acquisto;
  • personalizzare il momento della conversione;
  • verificare che il consumatore si senta sicuro e protetto nel fare acquisti con voi;
  • creare un legame empatico, che vada oltre il semplice scambio commerciale

Essere coerenti

Avere il sospetto che qualcuno non abbia mantenuto una promessa è una delle sensazioni più sgradevoli che possano colpirci.

Essere coerenti e trasparenti sono gli strumenti per creare fiducia.

Parlare apertamente con il proprio pubblico, mantenendo un dialogo attivo e costante anche per risolvere le criticità porterà ad un incremento della brand awareness e delle vendite.

Raccontarsi per immagini

Creare un racconto del brand che possa narrare la storia, i valori e qualche curiosità su come è nata l’azienda è uno dei modi più immediati per fidelizzare i clienti.

Una volta attirati dalla vostra storia, coinvolgete il pubblico e chiedete di condividere con voi le loro esperienze.

Questo li renderà ancora più legati ai vostri prodotti e li spingerà a trasformarsi da semplici consumatori a vostri veri e propri sostenitori attivi.

Vuoi raccontare la tua storia?

Siamo qui per aiutarti a diffondere la tua impresa.

Serena Poma

Serena Poma

Copywriter, Ufficio stampa e Project Manager. Da sempre vive “tra le righe”. Il potere delle parole l’ha conquistata da subito; due lauree in comunicazione e un master in storytelling non hanno fatto altro che accrescere slancio e curiosità. Trovare le parole giuste per raccontare un’idea e far emergere un talento è ciò che la appassiona; farlo davanti a caffè amaro e muffin al cioccolato fondente è la sua personale idea di “lavoro gratificante”!

Cosa ne pensi?

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti anche:

Le 4 “I” dello storytelling

Le 4 “I” dello storytelling

Ormai lo sappiamo: lo storytelling è l’elemento trainante della comunicazione di un brand. Ma ti sei mai chiesto quali sono le caratteristiche che deve avere un racconto per essere considerato una buona storia? Storytelling, l’arte di narrare storie Nell’attuale...

leggi tutto